k

12 ottobre 2010

Intimissimi rottama i tuoi reggiseni!


Avete il cassetto colmo di vecchi reggiseni che non utilizzate più da anni ma li tenete perchè "non si sa mai"?
Bene, è arrivato il momento di mandarli definitivamente in pensione per una giusta causa: dal 18 Ottobre al 30 Novembre, in tutti i punti vendita dell'Italia, (tranne nei negozi di Livigno), troverete dei contenitori creati ad hoc per la raccolta dei vecchi reggiseni di qualsiasi marca; in cambio dei vecchi reggiseni (di qualunque marca) Intimissimi offre un buono sconto di 3€ per l'acquisto di un reggiseno della loro nuova collezione.
Ma non è finita qui perchè i reggiseni raccolti verranno riutilizzati per produrre pannelli isolanti e fono assorbenti contribuendo ad attenuare l’inquinamento acustico e attivando un piccolo gesto a favore dell'ecosostenibilità.

Trovo sia un'iniziativa degna di lode: non solo uno sconto per noi ma anche un gesto importante per l'ambiente.

I prodotti rottamati saranno raccolti dalla Ovat Campagnari S.R.L., leader nella raccolta e nel recupero di materiali, al fine di offrire al mercato prodotti sempre più innovativi e a basso impatto ambientale.

14 commenti:

  1. Bel blog! Di reggiseni che non uso non ne ho!

    Passa se ti va :)

    RispondiElimina
  2. Ciao! Che bella iniziativa! Non la conoscevo quindi grazie per avermela fatta conoscere!!
    Mi trovi qui:
    http://lesvetementspourfemme.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. Interessante questa iniziativa!

    RispondiElimina
  4. Gorgeous of course! I love it :)))))

    http://minnja.blogspot.com/

    XOXO
    minnja

    RispondiElimina
  5. ciao!
    l'iniziativa è sicuramente bella ed interessante, tenendo conto poi che io i reggiseni di intimissimi li prendo in uno dei loro spacci al prezzo di 1€!!! dopo averli usati se li riporto indietro ci guadagno pure 2€!
    Dubito molto sul fatto che con dei reggiseni si possano fare dei pannelli isolanti e fonoassorbenti passandoli per un pogetto ecosostenibile...
    di sicuro c'è il recupero dei materiali che magari non vanno in discarica, ma chi lo sa nel procedimento di trasformazione cosa avviene a quei tessuti super sintetici...per non parlare del fatto che le nostre case ecc...si riempirebbero ancor di più di materiali non propriamente naturali...nulla a che fare con la bioedilizia!
    ciao
    Vivì

    RispondiElimina
  6. ciao!
    ottima iniziativa...!
    questa dei pannelli va pero approfondita.... perche il nesso non è cosi scontato!

    http://flaneurnews.blogspot.com/

    RispondiElimina
  7. @Vivì & Maddalena: Purtroppo devo ammettere che ho appreso la notizia e l'ho riportata nel blog rielaborandola ma senza documentarmi a fondo sulle reali applicazioni di questa iniziativa.
    Comunque, a me non dispiacerebbe se utilizzassero un tessuto sintetico per insonorizzare la mia stanza; sono tessuti che stando a contatto con la nostra pelle non hanno mai creato gravi danni, dunque come pannelli fono assorbenti sarebbero certamente più "salutari" di altre schifezze usate per lo stesso scopo :)
    Poi il fatto stesso che il nome dell'azienda sia presente nel testo dell'iniziativa proposta da Intimissimi mi fa pensare che dietro ci sia realmente un progetto serio anche perchè se così non fosse l'azienda perderebbe credibilità e tutta questa pubblicità non avrebbe senso, non trovate?
    Vi ringrazio per il commento :)



    Grazie a tutte per essere passate e aver lasciato un commento :)

    RispondiElimina
  8. molto buona come campagna.. ultimamente però ho preferito tezenis ;) buon venerdì

    RispondiElimina
  9. I love their models, probably the best lace bras ever

    RispondiElimina
  10. Bellissimo il tuo blog!
    Ti seguo!
    Passa da me e seguimi anche tu sei ti và, mi farebbe piacere :)

    RispondiElimina
  11. come già scrivevo sul post di un'altra blogger, se portassi i miei reggiseni dovrei pagare io quelli di intimissimi per farmeli rottamare...sembra che siano passati su un campo di battaglia ;)

    RispondiElimina
  12. diciamo che se sapessi quanto male fanno i materiali sintetici all'interno di un muro, cambieresti sicuramente idea...
    e lì non è che li puoi togliere quando ti pare come un reggiseno..
    vivere all'interno di un "sacchetto di plastica" non è propriamente il massimo della vita
    cmq sarò curiosa di approfondire l'argomento e di andare a chiedere info alla ditta...non voglio far polemicha eh... Gemma nulla contro al tuo post e al tuo blog, è che mi sto specializzando in architettura bioecologica e questo è un argomento che mi sta molto a cuore,
    e spesso quello che ci raccontano su argomenti come questo non è esattamente la verità!
    ciao a presto
    Vivi

    RispondiElimina

Grazie in anticipo per il commento!
Thank you in advance for the comment!
FACEBOOK PAGE
INSTAGRAM